martedì, febbraio 13, 2007

BVZM

Essì, proprio mentre tornavo da quel di Viareggio mi è capitato di leggere l'ultimo albo di MArtin Mystère, proprio l'albo in edicola ora e intitolato nientepopodimeno che "L'ultimo viaggio di Amelia Earhart"... Una storia sulla più famosa aviatrice della storia, la prima donna ad aver effettuato il volo transoceanico in solitaria e accompagnata e scomparsa misteriosamente durante il tentativo di effettuare il giro del mondo... Partendo da puntelli veri e documentati nasce la finzione del racconto, che da una scomparsa riporta in realtà alla memoria nefasti eventi della seconda guerra mondiale... eventi pressoché dimenticati... mai portati decentemente in luce... La terribile Unità 731, situata in Manciuria, Cina, sotto controllo dell'esercito nipponico durante l'arco della seconda guerra mondiale sotto la guida del generale Ishii Shiro... Chi era quest'ultimo? Avete presente Menghele e suoi crimini contro l'umanità, i suoi esperimenti su cavie umane nel lager, le peggiori vivisezioni su esseri umani e donne incinte? Ecco... forse anche peggio... anzi... peggio... Quella unità naque per studiare principalmente armi batteriologiche, su esseri umani vivi come cavie... Caramelle all'antrace date ai bambini; pulci portatrici sane di peste lasciate andare sulle "cavie" umane per confrontare i tempi di reazione rispetto al mondo animale; vivisezioni; persone sottoposte a pressioni atmosferiche impossibili che portano fino all'espulisione degli organi interni... Ma l'elenco sarebbe atroce, cruento e ancora lungo... Sono stati tanti gli anni in cui è stato attivo e le sue conseguenze si sono avute anche dopo la fine della guerra... Basti pensare che alla fine della stessa furono liberati animali portatori sani di peste che mieterono migliaglia di vittime nei tre anni successivi la fine della guerra. Allora c'erano ancora 400 superstiti nell'unità 731... ovviamente furono sterminati tutti per non farli fuggire... Ma di cosa avevano paura... Di esser puniti nel caso li scoprissero? Macché... E qui entrano in gioco gli americani... Che hanno sottratto tutto il personale legato all'unità 731 ai tribunali che avrebbero dovuto e giustamente condannare in cambio dei risultati delle ricerche... Ottengono risultati per armi di distruzione di massa senza sporcarsi le mani con le atrocità commesse... garantendo immunità a quei delinquenti... Non so chi sia peggio... Chi le ha commesse o chi le ha sfruttate... difficile scegliere... L'unica cosa è poter ricordare queste cose e far sapere in giro che sono successe... Da ringraziare il Buon Vecchio Zio Alfredo Castelli che lo ha fatto, dando oltretutto all'interno dell'albo e nelle pagine narrative gli estremi per potersi informare. Dell'albo in se non è il caso di parlare ovviamente, ovvero dei suoi aspetti tecnici, vista l'importanza dell'argomento trattato... Da sottolineare alcune immagini riguardanti questa famigerata area, sono state riprese letteralmente da immagini vere e d'epoca... Le immagini più crude che si possono vedere all'interno dell'albo sono purtroppo vere... Con una semplice ricerca con google si potranno trovare e appurare... Pure lo stesso documentario "Unit 731: Nightmare in Manchuria" esiste come si può appurare. A questo punto non rimane che rimandare per ulteriori documentazioni di base ad un articolo de la Repubblica del 14 Aprile 2003 e al documento pubblicato su Nipponico che approfondisce l'argomento o un discorso più in generale anche su altri campi su Cina Oggi Per il resto ci sono ampi spazi di ricerca via web che letteraria...
Tokyo Memorial Tower per l'Unità 731

Nessun commento: