mercoledì, giugno 20, 2007

"Non si pole

mica seNpre parlare delle stesse cose sai? E mica le decidi tu le regole!"


Così mi disse l'Eminenza Grigia Numero Due Dei Blog (abbreviato in EminenzaGrigiaNumeroDueDeiBlog ). Un uomo (o tapirulan?) terribile, che non conosce i teNpi, non conosce la sintassi, non sa scrivere e fa tanti refusi sia quando scrive che quando parla. Ma è pur sempre l'EminenzaGrigiaNumeroDueDeiBlog, e ti conviene dargli retta, altrimenti ti tocca dargli LA retta, ed è pure alta. O ancor peggio ti potrebbe capitare di finire sotto le terribili fauci del terribilissimo Eminenza Grigia Numero Uno Dei Blog (abbreviato in Pippo)e allora non basterebbero dei seNplici tappi per orecchie ad alleviare le sofferenze causate dagli strafalcioni di Pippo. Non potresti fuggire, sarebbe inutile, sa dove sei e sa come raggiungerti (se non perde il tram). Sa come entrare nei tuoi post e modificarteli quando meno te la aspetti. Ti ricordi di quel refuso in quel post che ci hai messo quarantaquattro minuti (o nanosecondi) a correggere e avresti giurato sulla figlia del papa che ormai era perfettissimo? Immagina chi sarà stato mai a mettertelo (e non pensate male)... Lui, proprio Pippo. E quella volta che finalmente riesci a parlare al tipo/tipa/topa della tua vita e che seNbrava esser accondiscendente e te sul più bello hai avuto un attacco di dislessia acrobatica (o caarone) facendo così la tua più brutta figura e vanificando anni e anni di sforzi e sacrifici? Ricordi no? Non lo ricordi? Beh, comunque sarà colpa di Pippo se ti capiterà, e ti capiterà, perché prima o poi tutti lo fanno arrabbiare. E' irascibile e iracondo. Si aggira per l'etere in incognito. Sotto forma di virus, spider, motore di ricerca, di lettore anonimo, di fan, di link e di perpetua. E legge, ascolta, ausculta tutti i tuoi respiri e movimenti. E se è del caso agisce. E prega che non lo sia. No, non ti cancellerà il post. Ma te lo riscriverà secondo i suoi dettami. E sarà ancora peggio... Nel corso del tempo c'è chi ha cercato di sminuire le fobie di tutti bloggers dicendo che tanto era una leggenda urbana, un po' come i coccdrilli nelle fogne americane o le ingerenze della chiesa cattolica in Italia o l'esistenza di Berlusconi. La Cia e l'FBI hanno cercato di insabbiare il tutto, tenendo nascoste le prove in archivi segreti, un po' come fece con l'area51 et simili, ma null apuò contro l'evidenza. Il Mossad pure è rimasto spiazzato mentre il KGB, abituato a mandar boNbe pinolo nulla può. Il Sisde ancora gioca nella categoria dilettanti e i suoi interventi poco contano (sanno arrivare el tre, forse al quattro). Per placare gli animi dei blogger sono intervenuti pure i media. La Walt Disney intuendo il problema ante litteram ha provato a chiamare uno dei suoi personaggi più placidi e divertenti propio Pippo. Operazione ben riuscita. Ma come vi spiegate che lui è un cane e si comporta da uomo e invece il fido Pluto da puro e semplice cane? David Letterman se la prende con i politici, petrolieri e vari in maniera dissacrante ma non ce la fa ad affrontare la situazione. Beppe Grillo tiene un blog, quindi figuriamoci se si mette a far qualcosa; al massimo proporebbe una colletta tra i suoi lettori per comprare una pagina pubblicitaria su un quotidiano, che comunque in fase di stampa avrebbe tantissimi refusi. I caschi blu in caso di intervento diventerebbero tutti marroni a striscie diagonali strtignaccole di color pistacchio (o anguria a scelta). L'unica speranza potrebbe esser l'intervento di grandi supereroi quali Capitan Novara, Aronauta, L'uomo che aggiusta le biciclette diretti da Clem Momigliano. Dovrebbero aprire la strada allo stesso Don Zauker che col suo esorcismo renderebbe Pippo inoffensivo per qualche istante, brevi momenti in cui una grandiosa task force composta da Tullio de Mauro, l'Accademia della Crusca, Noam Chomsky, un redivivo de Saussure e la Zia Manesca dovrebbero intervenire per riportarlo sulla giusta strada linguistica... Forse sarebbe l'unica speranza... Ma molto improba... Nel frattempo non rimane che non farlo arrabbiare... Incrociando le dita, sopratutto mentre si digita...

Nessun commento: