martedì, aprile 10, 2007

Rush Finale

per John Doe... Ancora un numero e finisce anche questa seconda stagione. All prima mi avvicinai per caso, incuriosito dalla copertina di Massimo Carnevale in cui campeggiava un John Doe in giacca antipioggia gialla su uno sfondo da tempesta... afascinante. Era il Settembre 2004, o giù di lì, e il numero in questione il quarto o il quinto. Imprecisioni a parte mi procurai gli albi mancanti per poter proseguire in maniera migliore la lettura della serie. Lettura che con alti e bassi continua tuttora. Dopo due anni la prima serie si concluse con un grosso cambiamento, per cui il protagonista della serie da dipendente della Morte in Persona ne prende il posto, ponendo così fine alla sua fuga iniziata il primo numero, anzi prima dello stesso visto che la narrazione inizia a fuga iniziata. Quindi si troverà a rimettere su la squadra dei cavalieri dell'apocalisse, per cui sceglierà persone o "entità" che in precedenza gli erano state vicine. Nonostante ciò non potrà avere la piena fiducia nei loro confronti, tant'è che una dei nuovi cavalieri lo tradirà, Chase, passando dalla parte del nemico che altri non è che la Morte precedente. Per la fine di questa seconda serie, prevista per il prossimo numero, sono in programma parecchi sconvolgimenti, compresa la morte di alcuni personaggi. Uno, la "traditrice" Chase, già ha lasciato le scene, ma non definitivamente. Per ucciderla sarebbero dovuti intervenire J.D. o Mordered (suo figlio in persona), ma a sbrigare la faccenda è stato Guerra, l'ex cavaliere. E quindi? Ha risolto la situazione aggirando il problema, ovvero seppelendola viva. In questa maniera tra l'altro a livello narrativo si tiene pronto il personaggio per un suo eventuale rientro in futuro. Evento avvenuto nell'albo di Marzo, che si è distinto per una struttora narrativa particolare, a piccoli capitoli riguardanti diversi personaggi. Capitoli non autoconclusivi, ma che vanno avanti lungo l'arco di tutto, alternandosi a secondo dei personaggi. Si crea così una struttura dinamica e variegata che sveltisce la lettura e spinge lo spettatore a proseguire per sapere come si concluderanno le vicende dei vari personaggi. Invece nell'albo di Aprile si intuisce ampiamente quale sarà la struttura narrativa dal titolo: "Cosa sarebbe successo se...". Ovvero il classico "What If". Ovviamente riguarderà J.D. e la curiosità sarà vedere quale sarà l'escamotage trovato per scatenarer questo quesito e le idee che ne usciranno... Che ormai John si dovesse sposare lo si sapeva già da tempo, e il tutto si svolgerà alla sua festa di addio al celibato. Ne uscirà un albo di passaggio, come doveva essere, con qualche spunto curioso (vedere un John Doe sposato con figli, le conseguenze di un suo no alla domanda di assunzione alla Trapassati Inc., la nuova comparsata di un certo "Capo"). Il tutto per aspettare il gran finale con botto. Il precedente, quello per la fine della prima serie, mi aveva coinvolto notevolmente, avendo portato al primo team up di casa Eura: John Doe e Dago assieme nella battaglia finale. Il Giannizzero nero comparve nelle ultime pagine di un albo per poi arrivare a combattere fianco a fianco di John... La struttura aveva lasciato il fiato sospeso tra un albo el'altrocreando maggiori aspettative. In questo caso invece abbiamo un albo di passaggio, traghetto, che in realtà questa tensione la smorza... Ma basterà aspettare qualche giorno per vedere come se la caveranno e che cosa Bartoli e Recchioni riusciranno a tirare fuori

2 commenti:

chirieleison ha detto...

come da tua precisa richiesta ci sono i santini da prelevare nel mio blog, accomodati pure

Federico ha detto...

Accorro e impunemente mi gaudio :D

Federico